CalabriaInforma

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Si è conclusa ieri sera con la manifestazione “Sound Summer Festival”, svoltasi nella suggestiva location del Parco delle Rimembranze di Bovalino Marina (RC), la due giorni dal titolo “Note di Legalitàl’unica melodia che vogliamo sentire!”, organizzata dalle Associazioni Culturali “Edera” e “Nuova Calabria” del Presidente Franco Perrone. La manifestazione è stata realizzata con il Patrocinio del Comune di Bovalino ed in collaborazione con la Provincia di Reggio di Calabria, rappresentata per l'occasione dal Consigliere Provinciale Alessandra Polimeno, Presidente della terza Commissione "Politiche Sociali" della provincia reggina, sempre attenta alle iniziative socio-culturali che che coinvolgono il territorio della locride. L’evento ha riscontrato in entrambe le serate il favore del pubblico, soprattutto di quello giovanile, che indossando le magliette celebrative ha voluto rimarcare la voglia di contrastare in maniera libera e democratica ogni forma di violenza che minaccia il tessuto sociale, la crescita e lo sviluppo della società civile. La prima serata si è svolta il giorno 11 agosto con inizio alle ore 21.30 in Piazza Camillo Costanzo ed ha registrato la presenza di un numeroso pubblico, che ha inizialmente assistito alla presentazione della squadra “Amatori Calcio Bovalino”, fondata da Marco Viccari e da Marco Antico supportati dal Presidente Maurizio Viccari che, visibilmente emozionati, hanno presentato tutti i giocatori che prenderanno parte al prossimo campionato amatoriale, ponendosi come obiettivo finale quello di distinguersi soprattutto per il fair play sportivo; successivamente ha avuto luogo il coinvolgente musical “Peter Pan” scritto e diretto in collaborazione tra il Gruppo Spontaneo teatrale di Vincenzo Marzano ed il Centro Sportivo New Fitness di Renata Galea, con musiche del noto artista bovalinese, nonché componente di spicco del gruppo etnico “Quartaumentata”, Paolo Sofia. Nella seconda serata, svoltasi il giorno 12 agosto con inizio alle ore 22.30 nella suggestiva cornice del Parco delle Rimembranze e presentata dal poliedrico Bruno Panuzzo, si è potuto assistere all’esibizione di numerosi artisti del luogo che hanno entusiasmato il pubblico presente. Ad aprire la serata è stato il noto cantante dialettale Franco Strangio che, coadiuvato dall’ormai inossidabile Maestro Peppe Platani e dal giovane emergente fisarmonicista Roberto La Scala, ha cantato numerosi brani del suo vasto repertorio musicale; a seguire altri artisti tra cui il giovanissimo Ernesto Pellegrino che con la sua chitarra elettrica, usata in maniera magistrale, ha riportato alla mente soprattutto dei meno giovani la musica particolare dei mitici Pink Floid; a seguire vi è stato un particolare momento di magia e di "prestidigitazione" eseguito dal giovane Andrea Strangio, che ha magicamente coinvolto il pubblico presente con i suoi giochi di prestigio; poi è stata la volta della pianista Rosa Maria Caminiti che ha suonato al piano brani classici di Paradisi e Mozart ed a seguire l’esibizione della giovane artista Jessica Sagoleo e del mangiafuoco Antonio Alvaro; a concludere la serata, tra gli applausi del pubblico presente, la cantante Rita Ferraro e la sua band “La Corte di Alice”, una voce calda e particolare che avremo modo di apprezzare anche nello scenario musicale nazionale.

 

Un particolare ringraziamento gli organizzatori lo hanno rivolto allo staff di Elettroacustica Service ed al bravissimo direttore artistico Nicodemo Ferraro che, in entrambe le serate, hanno magistralmente curato la parte tecnico-artistica consentendo la buona riuscita degli eventi programmati. Quella di quest’anno a Bovalino è stata un’estate “importante” perché si sono toccati tematiche di notevole spessore e rilevanza sociale quali la “pace nel mondo”, la “memoria ed il ricordo” ed infine la “legalità”, tutti valori che ci devono accomunare per contribuire a rendere migliore una società che altrimenti è destinata a soccombere inesorabilmente.