CalabriaInforma
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sono state le urla di una donna che chiedeva aiuto dall’interno di una abitazione al primo piano, ad attirare l’attenzione di una pattuglia delle Volanti che stava passando da via Don Puglisi, nel quartiere popolare di Lampanaro, alla periferia di Crotone.

Gli agenti sono così intervenuti e hanno intercettato la vittima che, agitata e con diverse ferite in testa e sul labbro, ha raccontato di essere stata aggredita dal compagno, da cui da un po’ di tempo si era allontanata, e che entratole in casa aveva iniziato a colpirla più volte con calci e pugni e lanci di suppellettili.

La stessa, dopo essersi rifugiata in bagno, in preda al panico aveva poi deciso di lanciarsi dalla finestra, mentre l’aggressore nel frattempo era sparito.

Sul posto sono stati chiamati gli operatori del 118 che hanno prestato le prime cure alla donna, che per i vari traumi subiti è stata ricoverata nell’ospedale cittadino con una prognosi di 30 giorni.

La polizia si è poi messa poi sulle tracce dell’aggressore, riuscendo a rintracciarlo e arrestarlo: per lui, un 46enne crotonese, P.R. le sue iniziali, sono scattate le manette con l’accusa di atti persecutori e per ora gli si sono spalancate le porte della Casa Circondariale di Crotone.

Sono state disposte anche delle perquisizioni per rinvenire eventuali armi.