CalabriaInforma
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il Commissariato di P.S. di Lamezia Terme, a seguito di accurate indagini  coordinate  dal Procuratore  della Repubblica  Dr. Salvatore Maria Curcio  e dal Sostituto Dr.ssa Marta Agostini, questa mattina,  ha dato  esecuzione a nr. 2 Ordinanze applicative di misure cautelari personali  emesse dal GIP. Dr. Emma Sonni nei confronti di:

DI SPENA  Franco Antonio, nato a Lamezia Terme il 19.06.73 ivi residente e

PITAGORA Antonio, nato a Lamezia Terme  08.01.1966  ivi residente .

I due lametini sono  ritenuti  responsabili dei reati  di tentata estorsione ,minacce , lesioni e danneggiamento ai danni di : GIORDANO  Diego,  titolare dell’azienda pubblicitaria denominata “PUBBLISUD GIORDANO s.r.l.”  con sede in quel centro.

In particolare ,in data 19 Luglio u.s.  Giordano Diego , titolare dell’azienda pubblicitaria denominata “PUBBLISUD GIORDANO s.r.l.”,  denunciava  presso il Commissariato di aver subito un tentativo di  estorsione, finalizzata all’acquisizione di alcuni cartelli pubblicitari installati sul territorio lametino , messa in atto dallo zio materno PITAGORA Antonio, con la collaborazione di DI SPENA Franco Antonio (detto TONY), quest’ultimo noto  pluri pregiudicato.

Il Di Spena minacciava più volte Giordano Diego,dicendogli di non avvicinarsi più ai cartelli altrimenti gli avrebbe sparato e lo avrebbe lasciato morire per terra . Nella stessa occasione lo afferrava per  il collo sbattendolo con la schiena sul portellone posteriore della sua auto urlandogli  “ ti ammazzo” e provocandogli lesioni e un trauma contusivo . Gli indagati, in altre circostanze, danneggiavano alcuni cartelloni pubblicitari di proprietà dell’azienda di Giordano Diego ,siti in via del Progresso di Lamezia Terme.

Immediatamente venivano avviate da parte dei poliziotti del Commissariato di P.S. di Lamezia una serie di attività investigative che permettevano di acclarare  responsabilità in capo ai due soggetti sopra indicati.

Al termine delle formalità di rito i due arrestati sono stati messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.