Stampa
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Domenica 23 giugno quindi Roccella ritornerà al '700 con un Corteo Storico di grande sfarzo ed effetto con la rappresentazione della "Chinea", ossia la consegna da parte del Principe Carlo Maria Carafa del tributo allo Stato Pontificio per il privilegio che il pontefice disponeva in quanto detentore dei diritti feudali sul regno di Napoli. Sicuramente meno dispendiosa rispetto all'anno scorso, ma organizzata non certo con meno impegno, sta per partire la seconda edizione del Corteo Storico dei principi Carafa, che vedrà la partecipazione degli studenti della città di Mazzarino, e saprà stupirci lo stesso, grazie all'esperienza acquisita e lo spirito con cui tutti i soggetti coinvolti parteciperanno.

 

 

COME SI SVILUPPERA' IL CORTEO STORICO. Partenza del corteo popolano lungo la via Garibaldi alle ore 17,15, mentre il corteo nobiliare partirà dal castello, lungo via Città. L'incontro dei due cortei avverrà il largo Pietre Abate Ilario laddovè Pino Carella farà il discorso ufficiale. Il due cortei, popolare avanti e nobiliare dietro, con in fondo il principe e la principessa, scenderanno lungo la via Vittorio Emanuele. Nei pressi del Priorato il principe avanzerà tra il corteo dei nobili fino ad arrivare davanti allo zio Gregorio Carafa. Spiegazione sul significato del Priorato e su Gregorio Carafa. Riparte il corteo con i Cavalieri di Malta dietro i popolani e si prosegue su via Vittorio Emanuele fino all'incrocio con via Roma. Principe e principessa salgono sulla carrozza preceduti dal cavallo della chinea, percorrendo la Nazionale fino al Ponte Zirgone per raggiungere il Teatro al Castello. Qui i due cortei si disporranno negli appositi spazi e attenderanno la carrozza dalla quale scenderanno principe e principessa nel mentre vengono elencati i titoli del principe. Verrà cosi illustrata "la chinea" mentre sale sul palco il papa accompagnato da un cardinale e due chirichetti e il cavallo del principe, dopo aver fatto il giro della platea, si posiziona davanti al papa. Il principe Carlo Maria Carafa consegna al papa la chinea, nel mentre partono letture, canti e balli.

Il Corteo Storico vedrà coinvolti, oltre all'Amministrazione Comunale, l'associazione culturale "Roccella com'era", soggetto principale insieme alle scuole superiori di Roccella (Scientifico ed Industriale), all'Istituto Tecnico per il Turismo di Marina di Gioiosa e l'Istituto superiore "Carlo Maria Carafa" di Mazzarino. Non meno importante sarà il coinvolgimento e la partecipazione del Centro Anziani, dell'associazione "Roccella in movimento", dell'Agesci, dell'Azione Cattolica, della Fidapa, della Protezione Civile "Aniello Ursino" e dell'Oratorio Parrocchiale. All'indomani della realizzazione del Corteo Storico di domenica, si intende fondare un Comitato permanente per il Corteo Storico che lavori tutto l'anno per studiare e reperire argomenti più approfonditi per consolidare la manifestazione.

fonte roccellasiamonoi.blogspot.it