CalabriaInforma
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Catanzaro. - Da Los Angeles al lungomare di Catanzaro. Il premio Oscar 1995 per la migliore attrice non protagonista, la statunitense Mira Katherine Sorvino, sara' il grande ospite d'onore nella serata inaugurale del Magna Graecia Film Festival che aprira' i battenti, sul lungomare di Catanzaro (piazza Brindisi) sabato 27 luglio.

A dare l'annuncio del "colpo a sorpresa" messo a segno da Gianvito Casadonte, direttore artistico della kermesse cinematografica, sono stati il sindaco Sergio Abramo e il vicesindaco e assessore alla cultura Sinibaldo Esposito. La Sorvino, indimenticabile interprete di Mighty Aphrodite (La dea dell'amore) di Woody Allen, sara' accompagnata dal padre, l'attore e regista Paul. I due grandi artisti statunitensi saranno a Catanzaro Lido, in un noto hotel sul Lungomare, gia' questa sera e quindi trascorreranno alcuni giorni sul litorale catanzarese. A Mira Sorvino sara' consegnata la Colonna d'Oro (l'opera di Michele Affidato creata appositamente per il MGFF) per avere promosso il cinema italiano nel mondo. A Paul Sorvino andra' la Colonna d'Oro alla carriera. Il nome della Sorvino, ospite d'onore della prima serata della rassegna cinematografica, va ad aggiungersi a quello degli altri illustri ospiti che sfileranno sul red carpet in occasione della decima edizione del Magna Graecia Film Festival fra i quali Michele Placido, Anna Falchi, Claudia Gerini e Valeria Golino, mentre Catrinel Marlon, modella e attrice rumena sara' la madrina dell'evento. Cresce l'attesa per l'evento di punta dell'estate catanzarese che, come piu' volte hanno ribadito il sindaco Sergio Abramo e il vicesindaco e assessore alla cultura, Sinibaldo Esposito, "servira' ad alzare la qualita' dell'offerta turistico-culturale della citta'". Intanto, prende forma a piazza Brindisi l'imponente struttura destinata a ospitare l'evento. L'arena, con una platea e due tribune laterali da duemiladuecento posti a sedere, e il palco di 26 metri sono stati ideati dallo scenografo Aurelio Guaglianone. (AGI)