CalabriaInforma

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

C’è un’applicazione che sta spopolando in questi giorni, si chiama Sarahah e ha come logo una busta biaca su fondo acqua marina.

Creata dal 29enne saudita Zain al-Abidin Tawfiq, Sarahah, che in arabo significa onestà, permette di mandare messaggi anonimi agli iscritti e in pochi giorni ha già fatto il record di download collezionando milioni di utenti: tra app e versione desktop si calcola un totale di 20 milioni.

Pensata inizialmente come strumento per valutare i propri colleghi di lavoro in forma anonima, Sarahah è diventata molto di più: un qualsiasi utente registrato può creare un link pubblico da condividere con chiunque per ricevere commenti anonimi riguardanti la propria persona. Non è possibile rispondere ai commenti ma solamente salvarli tra i preferiti o tenere traccia degli inviati in caso lo si faccia da un account registrato. Una specie di recensione delle persone in forma del tutto anonima, proprio come fossero hotel o ristoranti.

Di recente in molti hanno sollevato il problema cyberbullismo. Il fondatore ha già previsto dei filtri per bloccare le parole offensive e utenti partciolarmente aggressivi.

Basterà? Come tutti gli strumenti web/social tutto dipende dall’utilizzo che ne faranno la maggiorparte degli utenti.

A rendere virale questa applicazione Facebook, Instagram e Snapchat, utilizzati dagli utenti oltre che per condividere i migliori messaggi ricevuti tramite Sarahah anche per invitare i propri contatti ad inviare messaggi anonimi su Sarahah.com così da ricevere feedback dai propri follower.

Per i più curiosi e desiderosi di mettersi alla prova non resta che provare: https://www.sarahah.com/