CalabriaInforma
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

nuovi incarichi al comuneRiceviamo e Pubblichiamo

Ieri c’è stata un’intensa seduta di consiglio comunale (erano ben otto i punti all’OdG) che ha registrato, ancora una volta, l’assenza del solo gruppo di opposizione “Nuova Calabria” composto dai consiglieri Alessandra Polimeno e Gloria Versace. Continua, quindi, la protesta portata avanti ormai da qualche mese: “Fino a quando non saranno ripristinate le condizioni minime di agibilità”. Questo il messaggio fatto pervenire al civico consesso prima dell’inizio: “La nostra assenza è frutto di una scelta difficile e dolorosa, ma siamo convinti che sia indispensabile per tenere alta l’attenzione sulla necessità di garantire a tutti i consiglieri comunali i diritti riconosciuti dal Tuel. Abbiamo comunque visionato tutta la documentazione disponibile relativa ai punti in discussione, abbiamo riscontrato varie anomalie che potrebbero determinare irregolarità. Le stiamo valutando e nei prossimi giorni, dopo aver preso atto delle deliberazioni assunte e della relazione dell’Amministrazione, le porteremo a conoscenza dei cittadini”

Ma torniamo alla seduta di consiglio, dopo il primo punto relativo all’approvazione dei verbali delle sedute precedenti (09/04/2019 e 05/05/2019), approvato all’unanimità, si è passati al tema “caldo” della giornata che era rappresentato dall’approvazione del “Piano TARI e TASI per l’anno 2019” A relazionare sull’argomento è stato l’Assessore al ramo Bilancio, Maddalena Dattilo, che ha reso noto: “Nonostante gli aumenti imposti dalla Regione Calabria, l’Ente comunale, grazie all’avvio della raccolta “porta a porta” ed al fatto di essersi collocato in una fascia di differenziazione che oscilla tra il 35 ed il 50% paga un importo di 185 euro a tonnellata anziché 205 euro, quindi con un risparmio considerevole. Nel piano precedente si pagavano 147 euro ma con un sistema di raccolta diverso ma anche con risultati molto diversi; a ciò vanno aggiunte anche le somme che rientrano nella casse comunali dalla vendita dei rifiuti derivanti dai vari contratti di filiera stipulati con le ditte convenzionate” Secca la replica del capogruppo di “Impegno e partecipazione”, Francesco Gangemi, che ha detto: “Lo smaltimento dei rifiuti allo stato attuale così com’è è tutto tranne che un beneficio economico per le casse comunali. D’altronde, il costo complessivo annuale per il differenziato e per l’indifferenziato, rispetto all’anno scorso, è aumentato in maniera considerevole e grava sulle spalle dei cittadini, pertanto, se non si attuano per bene i contratti stipulati con le ditte di filiera per il riciclo i risultati positivi sono ancora ben lontani dall’essere conseguiti. Infatti, il risparmio attuale si aggira soltanto intorno ai 20 euro per tonnellata, se li moltiplichiamo per le 3500 tonnellate stimate nell’anno otteniamo un importo complessivo di circa 70 mila euro che non sono assolutamente sufficienti a garantire la fruizione di un buon servizio, inteso soprattutto sotto l’aspetto della ricaduta economica ma anche per quello ambientale. A ciò si aggiunga che anche il servizio per il ritiro degli ingombranti, da parte di Locride Ambiente, è ancora interrotto e non si sa quando potrà riprendere”. Questo importante punto è passato con i soli voti della maggioranza, contrari i Consiglieri di “Impegno e Partecipazione”

A seguire, si è parlato del “Piano triennale 2019/2020 per l’alienazione degli immobili comunali”, anche qui ha relazionato l’Assessore Dattilo che ha evidenziato l’importanza della vendita di questi beni, in particolare di quelli che risultano essere improduttivi per il bene della collettività. Anche in questo caso il punto è stato votato favorevole soltanto dalla maggioranza. L’approvazione di gestione per l’anno 2018, approvato anch’esso con i soli voti di maggioranza, ha messo a nudo la triste realtà che vede una forte carenza organica di personale negli uffici, carenza sia quantitativa che qualitativa che penalizza certamente il cittadino ed i suoi diritti. E’ stato invece votato all’unanimità l’aggiornamento del compenso previsto per il revisore dei conti, Aldo Giordano, presente in aula (8.500 euro). E all’unanimità è stata anche votata l’acquisizione definitiva di un bene confiscato ed ubicato in Via degli Oleandri.

Dulcis in fundo, due punti molto delicati ed importanti per l’intera comunità bovalinese: la nomina del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza (dottoressa Francesco Racco) e quella del Garante per i disabili (dottoressa Maria Rita Canova). Ricordiamo che la proposta per l’istituzione di queste due importanti figure era stata avanzata dal gruppo di “Nuova Calabria”. Questo il messaggio del Sindaco: oggi il consiglio comunale ha fatto di più ha dotato il Comune di due nuove figure istituzionali importanti...il garante per l'infanzia e l'adolescenza e il garante per la persona disabile. Un altro segno di civiltà al quale ha partecipato tutto il consiglio comunale che ringrazio. Due figure fortemente volute come supporto indispensabile in un campo sociale che necessita di competenze specifiche e di ascolto. Proprio quest'ultimo è qualcosa che non deve mai mancare nelle azioni di chi gestisce la cosa pubblica e quest'amministrazione lo ha garantito sin dal suo insediamento.Un augurio pertanto speciale di buon lavoro per Bovalino da parte dell'amministrazione comunale alla dott.ssa Francesca Racco e alla dott.ssa Maria Rita Canova per i nuovi e prestigiosi incarichi. Siamo certi che attraverso il loro lavoro, impegno e la loro professionalità ascolteremo ancora di più chi è più indifeso!”