CalabriaInforma

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

bovalino stadio lollo cartisanoLo stadio “Lollò Cartisano” continua a far parlare di se, nel bene e nel male !. Ormai sono quasi due anni che la struttura è chiusa e quindi preclusa allo svolgimento di qualsiasi attività sportiva ed agonistica, e lo è a causa della "dichiarazione di inagibilità” decretata dai tecnici regionali a seguito delle “difformità” riscontrate in sede di controllo e verifica dei lavori effettuati e ultimati nell'anno 2009. Infatti, nel corso dell’allora ispezione tecnica era emerso che alcuni lavori strutturali, già eseguiti, risultavano difformi rispetto alle previsioni progettuali di ammodernamento ed ampliamento dell’opera stessa, ciò ha comportato, conseguentemente, la dichiarazione di “inagibilità” che permane tuttora.

A tal proposito appare chiaro ed evidente che ci siano state delle gravi “responsabilità” che non potevano non essere attenzionate dalla magistratura ordinaria; attenzione che ha causato obbligatoriamente uno stop per lo svolgimento delle indagini rivolte al conseguimento della verità dei fatti. Tale provvedimento di inagibilità è stato vissuto in malo modo dall'intera comunità sportiva bovalinese in quanto ha avuto ripercussioni negative su tutto lo sport locale (quindi, non solo sul calcio), che ha dovuto trovare delle valide alternative logistiche per la pratica delle varie discipline sportive, e purtroppo, questo non sempre è stato possibile !. A subirne comunque il maggior disagio è stata, in particolare, la gloriosa Associazione Sportiva Bovalinese (ora ASD), squadra di calcio che milita nel campionato di Promozione-girone B, che si è vista costretta ad emigrare in altri campi da giuoco (Bianco ed Ardore) per la disputa delle partite interne di campionato.

Ora, dopo il primo atto ufficiale già compiuto dall’attuale Amministrazione a guida Vincenzo Maesano, atto con la quale si è provveduto a “revocare” la precedente direzione tecnica dei lavori allo stadio (Determina n. 156 dell’11/10/2017 Reg.Gen. 440 adottata dall’U.O. dei Lavori Pubblici), è stata la volta dell’approvazione della Determina n. 204 del 22/12/2017 Reg.Gen. 275 con il quale si conferisce ad un professionista l’incarico della "progettazione esecutiva finalizzata all’eliminazione delle predette difformità riscontrate; il tutto è finalizzato, ovviamente, all’adeguamento dell’impianto sportivo alla normativa vigente che deve essere in linea con quanto previsto nel D.Lg. 18 aprile 2016, n. 50 e s.m.i. e relativo regolamento di attuazione del Dpr. 207/2010".

L’incarico, a seguito delle formalità procedurali previste, è stato conferito all’Ing. Filippo Musolino, per un importo di poco superiore ai 4 mila euro; al professionista in parola ora compete l’onere di predisporre, redigere e portare a termine tutte le procedure tecnico-burocratiche necessarie ad eliminare le difformità riscontrate e, nel contempo, consentire così di pervenire nel più breve tempo possibile all’acquisizione dell’agibilità dello stadio, agibilità che farà tirare un sospiro di sollievo a tutta la comunità sportiva bovalinese. 

L'augurio è che i tempi necessari al disbrigo delle pratiche burocratiche siano piuttosto contenuti, in maniera da consentire ai tanti tifosi amaranto di poter affollare nuovamente, con le loro famiglie, gli spalti del "Lollò Cartisano", perchè la crescita di un popolo oltre che dalla cultura non può prescindere neanche dalla pratica sportiva. A tal proposito ci piace chiudere con una famosa frase di Pierre De Coubertin: "Lo sport è parte del patrimonio di ogni uomo e di ogni donna, e la sua assenza non potrà mai essere compensata ".

 

(fonte immagine: www.ecodellalocride.it)