CalabriaInforma
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La Calabria si stringe ancora una volta attorno ai familiari delle vittime e alla comunità di Civita ad un anno dall’immane tragedia del Raganello. Era il pomeriggio del 20 agosto dello scorso anno quando si è consumata quella che da subito è stata definita come una vera e propria tragedia abbattutasi a Civita. A causa dell’improvviso e forte temporale che ha colpito la regione quel giorno d’estate di un anno fa, alcuni escursionisti erano rimasti bloccati nelle Gole del Raganello. In 10 hanno perso la vita e tante altre vite sono state salvate dai soccorritori giunti da tutta la Calabria.

Per la giornata di oggi sono stati organizzati momenti di preghiera e una fiaccolata in ricordo delle vittime. Nella Chiesa Santa Maria Assunta alle 18 si terrà la celebrazione di una messa in suffragio delle 10 vittime e alle 20 una fiaccolata che partirà dalla Chiesa e si concluderà al Belvedere. Il Comitato dei familiari delle vittime del Raganello ha deciso di tornare sui luoghi della tragedia per non dimenticare quanto accaduto e appellarsi alle istituzioni per una maggiore sicurezza, soprattutto nei luoghi simbolo della Calabria amati da tanti turisti. Per quella tragedia, poche settimane fa è stato notificato un avviso di conclusione indagini per 14 persone, tra loro anche sindaci. Per la Procura della Repubblica di Castrovillari, gli indagati (saliti dai 7 iniziali a 14), sono accusati, a vario titolo, di omicidio colposo, inondazione, lesioni colpose, omissione in atti d’ufficio ed esercizio abusivo della professione.