CalabriaInforma

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Stiamo vivendo un tempo di paralisi. Una pagina di storia che entrerà a far parte degli studi storici. A causa di un virus denominato covid 19, tutte le nostre attività, abitudini e quindi la nostra quotidianità hanno subito un brusco arresto. Regole, impedimenti e condizioni restrittive sono alla base del nostro vivere quotidiano. Per fortuna, abbiamo compreso quanto sia importante per tutti noi affrontare questo subdolo virus con coscienza e quindi quanto sia importante adottare le precauzioni necessarie, per evitare pericoli possibili. Quanto ci viene richiesto è necessario per salvaguardare il nostro stato di salute, anche se per molti le richieste di restrizioni da parte del governo centrale non sono sempre accettate con convinzione.
In questo importante periodo di adattamento sia a livello fisico che mentale, molte delle persone di una comunità sceglie diverse alternative per mantenere efficiente il proprio stato fisico e pschico ovvero conservare tutte quelle funzionalità che ci permettono di avere una buona salute mentale e fisica.
Anche a Bovalino un trend di evoluzione per combattere la paralisi di un tempo morto, ha preso un' inclinazione salutare. Senza forti assembramenti ma con le dovute precauzioni il lungomare di Bovalino vive un tempo di mobilità che preso in considerazione può sviluppare un tempo di tendenza sportiva grazie a spazi adattabili a favorire e promuovere l’attività fisica in spazi pubblici abbandonati all’inutilità.
Due strategici spazi del lungomare di Bovalino potrebbero essere adibiti ad aree sportivi con annesse attrezzature necessarie a svolgere esercizio di attività fisica.
Gli spazi in questione sono l’area attigua al passaggio a livello che dal centro conduce al lungomare e l’area, ex lido Orsa abbandonata da anni all’incuria del mare.
Dare impulso a sollecitazioni di natura sportiva è sinonimo di progresso.
Ormai le giovani generazioni nonostante i cibi spazzatura che quotidianamente ingurgitano sono sempre più attirati dalla forma fisica e in un periodo come questo perché non pensare a costruire per il futuro aree adibite allo svolgimento delle attività fisiche?
Sarebbe l’inizio di un ammodernamento culturale.

spazio pubblico