CalabriaInforma
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

 


 Piove ovunque ed è prevista una bufera nei prossimi giorni. La pioggia che continua a cadere in queste ore sulla Calabria, già ieri ha provocato allagamenti e disagi per la circolazione soprattutto nel catanzarese e nel reggino.

 

L'Arpacal, l’agenzia regionale per l’ambiente, ha lanciato il segnale di allerta per una quarantina di comuni della fascia ionica, 19 dei quali allertati al livello massimo. Lo comunica l’Arpacal che aggiunge: «La Calabria è ancora interessata dai fenomeni di instabilità atmosferica diffusa. Le precipitazioni più intense sono state registrate ai pluviometri di Santa Caterina dello Ionio e Petronà. Sono stati allertati 75 comuni, di cui 20 in livello 3, che è il massimo livello.  La deputata del pd Doris Lo Moro ha presentato un’interrogazione parlamentare al Ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo «per conoscere le iniziative che intende adottare in maniera urgente per contenere i rischi e quali siano le risorse a disposizione per l’opera di prevenzione e messa in sicurezza del territorio calabrese. Inutile commissionare rapporti – aggiunge – se poi rimangono lettera morta, bisogna intervenire per non piangere altre morti e uscire dalla logica dell’emergenza». La deputata del Pd inoltre ha dichiarato: «Dopo le immagini della Liguria e della Toscana alluvionate, ieri il rischio maltempo è scattato per la Regione Calabria. Un rapporto commissionato dal governo e realizzato da Legambiente e Protezione Civile sul rischio idrogeologico nella penisola italiana dimostra che quanto sta accadendo in questi giorni era prevedibile. Secondo il rapporto il 100% dei comuni calabresi è a rischio e per questo non bisogna perdere altro tempo».Nel Catanzarese  poco tempo fa, ci giunge notizia solo adesso, il vice brigadiere Pietro del Luca del reparto comando autrodrappello di Catanzaro si è trovato nella situazione di dover intervenire per salvare una donna che a causa del maltempo era bloccata in macchina. De luca notava un’ autovettura in panne e ferma a causa delle forte piogge che avevano allagato il sottopassaggio. L’acqua piovana copriva parzialmente l’autovettura  dove interno c’erano  2 persone che chiedevano aiuto. Il cavaliere De Luca  ha avvisato subito  la locale Centrale Operativa  chiedendo rinforzi di altro personale dell’Arma e l’ausilio dei VV.FF. Intanto  provvedeva  a soccorreva per prima la donna. Insomma l’efficienza del vice brigadiere è servita a liberare la donna che in stato di shoch non è voluta andare all’ospedale. Questo dimostra che i soccorsi ci sono e sono attivi, a prova che non è vera la notizia che in Calabria non si fa mai niente di buono. Un plauso da parte di tutta la redazione di calabriainforma va al cavaliere De Luca per il lavoro che costantemente porta avanti con devozione. La Protezione Civile, iintanto , ha dato comunicazione urgente di un’allerta meteo livello 3 per alcune zone del territorio comunale, in vista di fenomeni che potrebbero costituire pericolo per le persone. intanto ieri Il prefetto di Reggio Calabria, Luigi Varratta, ha disposto l'attivazione a livello provinciale delle strutture di coordinamento di protezione civile per assicurare il costante monitoraggio della situazione ed affrontare eventuali situazioni di emergenza. Il Centro coordinamento soccorsi ha garantito, a tal fine, uno stretto raccordo con le varie componenti operative e con le Amministrazioni locali. Dalla ricognizione effettuata non sono emerse significative criticita' fatta eccezione per la limitata transitabilita', dovuta agli accumuli di neve, di alcune arterie stradali di secondaria importanza che attraversano la zona aspromontana. Non si segnalano invece problemi per la circolazione veicolare sul tratto reggino dell'autostrada A3 e sulla strada statale, di grande comunicazione, 106 ionica.